Giancarlo Sturloni

Comunicare il rischio

 

Da oltre un decennio mi occupo attivamente di comunicazione del rischio, disciplina che insegno in diverse università italiane dopo aver svolto attività di ricerca a livello internazionale.

 

I miei corsi di formazione e le mie attività di consulenza si rivolgono a giornalisti, ricercatori e professionisti di istituzioni pubbliche e private impegnati nella prevenzione dei rischi per la salute e per l’ambiente, nella gestione delle emergenze e nella governance dei processi partecipati.

 

Potrete così apprendere le buone pratiche della comunicazione del rischio – ormai ben stabilite in ambito internazionale ma poco conosciute e applicate in Italia – per impostare una campagna di prevenzione efficace, sfruttando anche gli strumenti del marketing sociale, per affrontare le controversie sui rischi, costruendo relazioni di fiducia con gli stakeholder, o per gestire una situazione di emergenza, scoprendo come pianificare l’azione in tempo di pace.

 

Se svolgete attività giornalistica, potrete invece comprendere come comunicare in modo corretto i rischi sanitari e ambientali, restituendo ai cittadini informazioni importanti per la loro sicurezza su temi sensibili come terremoti, epidemie, cambiamenti climatici, incidenti industriali, ecc. 

 

Il corso standard prevede una lezione introduttiva ai principi della Risk Communication e la possibilità di approfondire, attraverso lezioni successive basate sull’esercitazione pratica e la discussione di casi di studio reali, le principali aree di intervento della comunicazione del rischio.

 

Nel seguito potete farvi un’idea dei principali argomenti proposti, tutti già testati con successo nelle mie attività formative. Il formato del corso può comunque essere adattato alle vostre specifiche esigenze.

 

Risk communication

○ Pericoli naturali e rischi antropici

○ Il sapere degli esperti e il diritto all’informazione dei cittadini

○ Mass media e comunicazione pubblica dei rischi

○ La nascita della “società del rischio”

○ Principi e buone pratiche nella comunicazione del rischio

 

Care communication

○ Modificare i comportamenti individuali e collettivi

○ Pianificare un’attività di comunicazione efficace

○ Aspetti relazionali: spiegare, emozionare, convincere

○ Gli strumenti del marketing sociale

○ Progettare una campagna di prevenzione

 

Consensum communication

○ Le controversie sui rischi per la salute e per l’ambiente

○ Percezione e accettazione del rischio

○ Mitigare i conflitti: dall’alfabetizzazione al dialogo

○ La governance dei rischi e la costruzione della fiducia

○ Processi decisionali partecipativi

 

Crisis communication

○ Comunicare il rischio in situazioni di emergenza

○ Il ruolo degli esperti e la gestione dell’incertezza

○ Pianificare la comunicazione in “tempo di pace”

○ Crisis Management Team

○ L’emergenza nella comunicazione mediatica